Ventura dove vai?

Una fra le prime cose che abbiamo guardato insieme penso sia stata quella nuvola sospesa.

Lo spazio era definito ma non troppo, delle pareti e un pavimento, ma quella nuvola era lì, bianca , morbida e sospesa, pronta a decontestualizzare quello spazio come pure la nostra immaginazione.

Poco importa se quell’immagine venne scelta da te o da qualcuno del tuo staff, certo è che quella nuvola me l’hai saputa raccontare, su quella nuvola ci siamo saliti insieme e ripeto, era una nuvola decisamente morbida.

In quel momento stava lì ma il tuo sorriso mi spiegava che sarebbe anche potuta essere o essere stata da un altra parte, un minuto dopo così come un attimo prima.

Quella nuvola come elemento o come idea, sarebbe anche potuto essere altro, qualcosa con un nesso oppure no, qualcosa che avrebbe accompagnato un soggetto come pure salutato, lasciando qualcosa o niente ma stimolando senza dubbio la nostra immaginazione.

Ed è proprio lei, la nostra immaginazione che ha sempre camminato fianco a fianco, la mia accanto alla tua, sulla stessa strada a volte, lontanissimo L una dall altra altre ma senza mai fermarsi. Questo è quello che hai saputo vivere insieme a me: l’idea di un “SEMPRE”, comunque e dovunque.

Un continuo movimento fatto di successi, traguardi incertezze e ripensamenti ma mai, giuro, mai uguale.

È così che mi davi modo di sdraiarmi comoda comoda con la sola voglia di tenere in mano quel telefono da cui arrivavano parole, tante parole, belle ed incoraggianti, folli ma che sempre si realizzavano.

È così che spingevi la bicicletta tenendo le mani serrate al manubrio con il collo torto verso di me e gli occhi divertiti e attenti.

È così che abbracciavi quella strepitosa Hasselblad, quasi come si regge una piccola creatura da proteggere: con una mano sotto la testa ed una di fianco.

È senza mai fermarti che hai affrontato tutti i cambiamenti, quelli belli e quelli che hai accettato mandandoli a fanculo senza incertezze… hai fatto spazio anche a loro e li hai scavalcati.

Facevi spazio a tutto e a tutti grazie alla tua generosità, selettiva ma immensa.

Capivi, sempre… e quando non capivi, studiavi.

Guardavi con i tuoi occhi ma sapevi rubare anche gli occhi degli altri guadagnandoti senza indebita appropriazione di una nuova prospettiva.

E proteggevi tanto, quello che ti stava a cuore ma anche quello che ragionevolmente era giusto, combattevi con una pazienza a scadenza breve che non ti ha mai fatto arrendere prima del dovuto ma semmai raggiungere la meta in tempi brevi.

Poi c era il tuo spirito critico, preciso puntuale e gentilmente disarmante.

E poi?… e poi:”Wannina”… quando era meglio non andare avanti, mi stringevi abbracciandomi con un braccio solo, mi grattavi la testa e sghignazzavi simpaticamente ripetendo il diminutivo vezzeggiante del mio nome.

Ed in quell “ina…ina “ mi sentivo piccola piccola ma non mi dispiaceva perché essere piccola piccola mi permetteva di assicurarmi sempre un piccolo posto nel tuo cuore… un posto simile a quello che nel mio di cuore era palesemente di maggiore ampiezza e per il quale mi dicevi che ero esagerata e che per te ne sarebbe bastato molto meno… ma su questo punto non te l’ho mai data vinta… eh no Ventura, su questo non hai vinto tu!

La tua grandezza ha sempre avuto bisogno di uno spazio grande, nel mio cuore… e ora non ti incazzare… ma anche nella mia testa… e che nessuno commetta l’errore di pensare che andando via (e vorrei che qualcuno mi dicesse almeno dove vai!) tu possa lasciare un enorme vuoto.

Non è così Ventura, non sento il vuoto.

Stai andando via… ma dove vai Ventura?!… Fa stramaledettamente male il pieno che mi stai lasciando… fa male sapere che mi hai dato tanto… fa male sapere che la fortuna di averti avuto nella mia vita è stata immensa.

Fa male il tuo essere straordinario… perché non lo sei stato. Lo sei…

…e fa male mettersi in attesa di riabbracciarti ancora.

Ventura, fai il bravo.

Ventura dove vai?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...